centro interculurale le rondini | senigallia | attivitá varie
15799
page-template-default,page,page-id-15799,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

attivitá varie

Da sabato 13 aprile dalle ore 15.00 si organizza un laboratorio per ragazzi dagli 11 ai 16 anni, per la creazione di una redazione radiofonica, utilizzando i new media come strumento di educazione sociale, interculturale, e di aggregazione. Si realizzeranno programmi di informazione e formazione adatti ai giovani utenti e alle giovani mamme. I ragazzi e le signore, infatti, potranno fare cultura e intrattenimento, avvicinando con il loro linguaggio e la loro energia, altri adolescenti a questa iniziativa, cercando di eliminare distanze e pregiudizi che li allontanano dalla partecipazione alla vita sociale e culturale del territorio, attraverso un percorso/esperienza la cui sperimentazione risulta indispensabile verso il divenire “adulti consapevoli e cittadini maturi”.

Contemporaneamente lo stesso percorso formativo si presenterà alle giovani mamme del centro, che rimangono spesso escluse da ogni proposta culturale e formativa nel contesto territoriale che potranno trovare uno spazio fisico ed un luogo nel quale incontrarsi per discutere, confrontarsi ed esprimersi in uno spazio autogestito ma guidato, che consentirà loro di esprimersi e di condividere esperienze.

Sarà cura poi degli operatori dell’associazione Radio Incredibile, confrontarsi con l’equipe educativa del Centro e occuparsi del montaggio dei podcast.

Auspichiamo che la creazione di questo spazio possa attrarre anche giovani e donne della città per instaurare un luogo di confronto, aggregazione, valorizzazione e di promozione della cultura giovanile e femminile.

Il progetto che durerà fino a ottobre sarà realizzato grazie al contributo della regione Marche, in sinergia con il territorio grazie alla collaborazione Tecnica ed e media-educativa dell’associazione Radio Incredibile, partner del progetto.

Corso di taglio e cucito

 

E’ iniziato martedì 20 novembre il corso di taglio e cucito, che si terrà tutti i martedì dalle 9.30 alle 11.30, presso la sede dell’associazione Le Rondini in piazza Garibaldi 1.

Grazie al finanziamento ottenuto con i fondi Otto per mille della Chiesa Valdese abbiamo la possibilità di utilizzare 6 macchine da cucire, che verranno messe a disposizione delle donne che parteciperanno al corso e a tutte le mamme che ne avranno necessità per aggiustare o confezionare i propri abiti e quelli dei propri bambini.

Il laboratorio, molto seguito fin da subito, è tenuto dalla sarta professionista Gianna Panni e da un giovane sarto, Francis Aimiosho Osoiwanlan di origine nigeriana che insegneranno le tecniche basi di sartoria, ma anche la realizzazione di carta modelli per confezionare pantaloni e tanto altro.

 

LA BIBLIOTECA VIVENTE

Sabato 17 novembre alle ore 17.00, presso la sede dell’associazione Le Rondini di piazza Garibaldi 1 a Senigallia, si è svolto l’evento dal titolo “La biblioteca vivente, contro ogni discriminazione”. L’incontro è parte del progetto “Talk! Comunità in dialogo”, finanziato dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali). La Biblioteca vivente, Human Library, nata a Copenhagen, fu creata da un ristretto gruppo di giovani come risposta all’aggressione a sfondo razzista subita da un loro compagno nel 1993. In questo contesto e su questa scia, cinque persone hanno raccontato la loro esperienza di vita, presentandola come un libro, con un titolo significativo per ciascuno. Ogni storia aveva un aspetto differente legato alla discriminazione. Alcuni, di diversa provenienza, hanno raccontato episodi di discriminazione razziale vissuti in prima persona; una ragazza diversamente abile ha parlato di come anche la disabilità può essere vissuta serenamente, grazie al sostegno di persone sensibili al problema. Le difficoltà e gli ostacoli non sono stati pochi per nessuno dei narratori. In alcuni casi è mancato loro l’appoggio proprio dalle persone più vicine. Un’altra storia che ha commosso gli intervenuti è stata quella di una donna che ha intrapreso, non senza difficoltà, la strada per cambiare la propria identità sessuale. Il tutto si è svolto in un contesto di interazione tra i partecipanti e i “libri viventi”, con domande, condivisioni e riflessioni. L’evento si è concluso con un piccolo momento di convivialità, in cui sono stati offerti tè e pasticcini, e ciascuno ha scritto le proprie impressioni su un questionario consegnato all’entrata. Dalle testimonianze raccolte è risultato che per tutti è stata una piacevole occasione di crescita, che ha smosso le coscienze e che potrebbe essere riproposta in altri contesti.

AIUTO AI COMPITI

PREPARAZIONE DELLA MERENDA

CORSO DI ITALIANO

ATTIVITA’ DI FORMAZIONE PER LE FAMIGLIE

ATTIVITA’ RICREATIVE

ATTIVITA’ LUDICHE

Corso gratuito di lingua italiana per le mamme delle Rondini.

A partire da questa mattina, le mamme dei bambini del doposcuola e le loro amiche e conoscenti hanno la possibilità di seguire un corso gratuito di italiano ogni mercoledì mattina. Passate parola! Vi aspettiamo numerose!

Le donne migranti raccontano le donne.

 

Cinema d’animazione e tecnica di cortometraggio.

Si è concluso il laboratorio di Migrarti, con il progetto “KA _ Rassegna per un nuovo immaginario migrante”.

i progetti “MigrArti” promuovono integrazione e conoscenza, coinvolgendo le comunità di immigrati stabilmente residenti in Italia, ed in particolare i giovani di seconda generazione che fanno ormai parte integrante dal punto di vista sociale, economico, culturale e lavorativo del tessuto vitale del nostro Paese.

Il laboratorio svolto al centro Le Rondini, per tutto il mese di maggio, in particolare si è sviluppato con la visione di cortometraggi di animazione internazionale, gli esperti hanno fornito con schede e rappresentazioni gli strumenti per rendere capaci i ragazzi in autonomia di commentarli, giudicarli tecnicamente ed emotivamente in un reciproco scambio culturale.

Per i ragazzi il laboratorio è stato molto interessante, Mahia (12 anni, Bangladesh) commenta così: “E’ stato bello ho imparato a guardare un corto di animazione, a capire la storia, i contenuti, ad ascoltare i suoni. Dopo aver visto i corti, degli esperti ci spiegavano come si registrano i cartoni, poi insieme agli altri bambini discutevamo e ci scambiavamo opinioni. L’ultimo giorno, ognuno di noi ha fatto dei disegni su un lungo rotolo di carta che verrà animato. E’ stato tutto molto interessante.”

Giuditta (12 anni, Ucraina) commenta: “mi è piaciuto molto il laboratorio, è stata un’esperienza nuova e interessante, soprattutto guardare tanti video. Ci hanno insegnato a notare come si comportano i personaggi, ascoltare i suonie il finale delle storie. Dopo la visione abbiamo disegnato i personaggi dei cortometraggi che preferivamo, in ultimo su un lungo rotolo di carta abbiamo disegnato i contenuti dei corti, rappresentando anche quelli che avevamo scelti.”

Laboratorio di cinema d’animazione

Lunedì 7 maggio 2018 ore 17 diamo il via al laboratorio di cinema di animazione e alla tecnica di cortometraggi. Anche i ragazzi del Centro interculturale le Rondini partecipano al progetto “KA _ Rassegna per un nuovo immaginario migrante” approvato da MiBACT – Direzione Cinema per la realizzazione di una rassegna cinematografica dedicata al tema delle migrazioni contemporanee.

Il bando MigrArti – La Cultura Unisce, è nato con l’obiettivo di coinvolgere le comunità di immigrati stabilmente residenti in Italia, con una particolare attenzione ai giovani di seconda generazione che fanno ormai parte integrante dal punto di vista sociale, economico, culturale e lavorativo del tessuto vitale del nostro Paese. Verranno presentati dei cortometraggi e documentari, la rassegna si svolgerà tra maggio e luglio 2018 nella regione Marche, partendo dalle città di Jesi e Senigallia

I promotori sono PEPELAB, associazione culturale, e ACADS, associazione di donne africane, insieme ad una ampia rete regionale e nazionale di realtà culturali e organizzazioni della diaspora che contribuiranno a costruire questo spazio di incontro e confronto sulle migrazioni attraverso i linguaggi del cinema e dell’animazione.

Anche la nostra associazione Le Rondini ha aderito al progetto con la partecipazione dei nostri ragazzini, nati in Italia e non ai 4 incontri che si svolgeranno tutti i lunedì del mese di maggio dalle ore 17 alle 19 presso la nostra sede in piazza Garibaldi, 1.

La sezione che ci riguarda, si rivolge specificamente ai giovani (seconde generazioni e non) e alle loro famiglie e si sviluppa attorno al linguaggio del cinema d’animazione grazie ad una selezione di cortometraggi internazionali a cura del comitato scientifico, che i ragazzi visioneranno e porteranno le loro considerazioni critiche grazie ai tutor Roberto  Paganelli di OTTOmani e Evelyn Puerini dell’ Ass.ne Mandala abbiamo attivato il primo.

Laboratorio di narrazione interculturale

E’ partito martedì 16 gennaio 2018, il progetto “Racconti dal mondo”, per bambini dai 6 ai 9 anni, in collaborazione con la biblioteca comunale Antonelliana e finanziato dalla Consulta della Cultura. Alcune mamme, provenienti da altri Paesi dell’Europa e del mondo, presentano i loro luoghi di origine, illustrandone gli aspetti geografici e culturali. Con questo intervento si intende rendere protagoniste per la trasmissione dei saperi le donne che ruotano attorno al Centro e non, a favore dei bambini, in ambito allargato, incoraggiando la partecipazione libera di altri minori e coinvolgendo la Biblioteca Ragazzi del Comune di Senigallia, affinché le voci della storia del mondo siano preservate e non vadano perse. Le mamme sono poi invitate a leggere un pezzo di una fiaba della tradizione in lingua originale. I piccoli presenti hanno così modo di conoscere anche i suoni e gli alfabeti di lingue diverse dalla propria. La stessa storia è poi letta dai bambini, che partecipano attivamente, leggendo i dialoghi dei personaggi della fiaba. Al termine della lettura i bimbi rappresentano con disegni e didascalie la parte della favola che più li ha colpiti. Gli incontri sono aperti alla cittadinanza e sono tutti invitati a partecipare dalle 17 alle 18.