centro interculurale le rondini | senigallia | Nuovi giovani SVE alle Rondini
16183
post-template-default,single,single-post,postid-16183,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Nuovi giovani SVE alle Rondini

Nuovi giovani SVE alle Rondini

Da qualche giorno all’associazione Le Rondini sono arrivate altre nuove forze: Adam e Jean-Baptiste, due ragazzi del Servizio Volontario Europeo.  Adam proviene dalla Polonia, mentre Jean-Baptiste dalla Francia. Come le loro “colleghe” Paula e Clara, che ormai collaborano da mesi con l’associazione e che termineranno il loro servizio a settembre, i due giovani sono stati accolti dagli altri volontari, dai due ragazzi del Servizio Civile Nazionale e dai bimbi che quotidianamente frequentano il centro. Attualmente, come ogni anno durante il periodo estivo, le attività di doposcuola si tengono presso la Parrocchia della Pace, dove i bambini possono giocare all’aria aperta negli ampi spazi dell’oratorio. Qui, con l’aiuto dei volontari, svolgono anche i compiti delle vacanze ma non mancano le uscite e le scampagnate per divertirsi, conoscere nuovi posti a contatto con la natura e fare un po’ di movimento. Adam e Jean-Baptiste, come le loro amiche Paula e Clara, che ormai parlano e comprendono l’italiano, frequenteranno dei corsi per imparare meglio la nostra lingua. Oltre a dare una mano nelle varie attività previste durante il periodo estivo, i due giovani stanno aiutando nei lavori di sistemazione della sede in piazza Garibaldi. Si stanno impegnando, insieme ai volontari e ai ragazzi dell’associazione per dare una nuova vita alla struttura, per eliminare le barriere architettoniche e renderla più bella. Hanno dipinto le stanze e le sedie con vari colori e stanno facendo piccole migliorie. In questo modo, infatti, si darà la possibilità a tutti i bambini, anche i meno fortunati, di poter accedere al centro. Con questo scopo infatti si stanno raccogliendo fondi, attraverso varie proposte, come rappresentazioni teatrali, mercatini e cene sociali, per contribuire alle spese dei lavori. Si spera che, con l’aiuto di tutti, si riesca per settembre a riprendere le attività in un ambiente più idoneo e più bello!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.